Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
12 Giugno 2024
 

L’impressionante serie (sette concerti!) di San Siro


(foto Simoni/Villani/Trucillo per Chiaroscuro Creative)

Per caso, facendo zapping, ho visto su Rai 1 buona parte del docu-film sul doppio concerto di Vasco Rossi al Circo Massimo (giugno del ’22). La messa in onda precedeva di un paio di giorni, o meglio introduceva, l’impressionante serie (sette concerti!) di San Siro, ancora in corso, circa quattrocentomila biglietti venduti. La quantità non sarà tutto, ma insomma, non sono numeri che lasciano molti margini alle interpretazioni.
Colpisce e rallegra lo stato fisico del protagonista, che, come è noto, non è arrivato ai settant’anni senza urti, incidenti, cadute, e anzi. Lo si dava, pochi anni fa, per uno che difficilmente si sarebbe di nuovo fatto vivo. Sarà forse solidarietà anagrafica, ma vederlo così sicuro e così forte mi ha fatto un grande piacere.

Vasco non fa parte del mio album di famiglia – non come De André o Paolo Conte o De Gregori, per intenderci. L’ho conosciuto di persona un paio di anni fa, una lunga intervista per il Venerdì di Repubblica, non avevo previsto il suo sorriso, la sua faccia orientale, la sua misura umana, la sua attrazione – lui figlio di camionista – per i libri, la cultura e la filosofia. Non me lo aspettavo così: così preciso nei giudizi, così sensibile alla realtà delle cose, un vecchio saggio e, per di più, un vecchio saggio gentile. I quattrocentomila di San Siro, ho pensato, sono in buone mani.

Michele Serra
 
Tutte le news


 


Segui Vasco su: