Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
1 Novembre 2015
 

Vasco x Tuttolibri: Il libro dei miei ultimi 40 anni? Cent’anni di solitudine..


Un libro è “bello” quando ti ci immergi e ti estranei completamente dalla realtà, ti trasporta lontano, in un mondo affascinante e sconosciuto dal quale non vorresti più tornare. Quando ti ci perdi e non importa più come va a finire…purchè non finisca mai.
Ne potrei citare tanti, ma ne scelgo uno: “Cent’anni di solitudine” di Gabriel Garcìa Marques, il libro che mi ha fatto conoscere e amare gli scrittori latino americani.
“Cent’anni di solitudine” è un libro totale: il realismo magico del suo autore ti avvolge nel suo incanto. E ti conduce a tutta velocità attraverso generazioni di uomini e donne (a cominciare dall’indimenticabile colonnello Aureliano Buendìa) che da quel momento fanno parte della tua vita.
Il tutto condito con quel pizzico di ironia e disincanto necessari alla sopravvivenza e ..alla resistenza. Una questione di affinità, guardare la realtà con un po’ di ironia..è meno dura.

Vasco Rossi
 


 


Segui Vasco su: