Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
12 Luglio 2016
 

VASCO PER QUATTRO

da PIT'S TALES #17 di Danilo D'Auria



22 – 23 – 26 – 27. No, non sono numeri da giocare al Lotto (anche se… ora che ci penso). Questi sono i giorni di giugno in cui è successo qualcosa di magico. Vasco Rossi quadruplica allo Stadio Olimpico di Roma, 4 date, unico evento dell’anno, il #VascoLiveKom2016.

E 1,2,3,4 anche per me. Quattro date sottopalco, sotto il palco del Blasco per raccontare in foto Lo Show. Si perchè il destino ha voluto che iniziasse il concerto proprio con questa canzone che non cantava live da anni, tanti, 20 credo. Una delle mie preferite, e in scaletta mi ritrovo anche Un Gran Bel Film. Canzone con la quale ho spesso preso a calci la vita, forse ancora continuo. Per 4 giorni è stato un po’ come vivere dentro un film, o almeno dentro una campana di vetro.



 

Non voglio fare una recensione del concerto, sono dell’idea che Vasco debba essere visto dal vivo almeno una volta. Le parole danno solo l’idea di quello che si prova, provarlo è un’altra cosa.

Senza retorica o sentimentalismi, Vasco sul palco si offre, Vasco dà tutto se stesso e questa sensazione la avverti all’ennesima potenza quando ci stai a pochi metri. Si viene letteralmente travolti da un’onda di energia, emozione o chiamatela come vi pare, ma arriva, ti arriva tutta addosso. E quando poi ti punta addosso i suoi occhi azzuri resti impietrito.

 

Quattro concerti interi vissuti da dietro un obiettivo, cosa non facile. Quando fotografo sono talmente concentrato nel cercare lo scatto, che non ascolto nemmeno cosa canta chi sta sul palco, è come quando guardi la TV senza volume. Ma con Vasco è stato diverso, cantare mentre si scatta e rendersene conto solo dopo era una cosa che mi mancava. Mi piace pensare che anche questo coinvolgimento emotivo abbia contribuito a tirare fuori scatti particolari. Posso dire che ci ho messo del mio.

Non è stato semplice trovare “il momento giusto”, ho dovuto imparare a conoscere il palco, capire i movimenti di Vasco ed anticiparlo. Ma credo di esserci riuscito o almeno in parte.

Sul sito ufficiale di Vasco trovate qualche foto:

Data #1 – 22 giugno 2016 – (fonte vascorossi.net)

Data #2 – 23 giugno 2016 – (fonte vascorossi.net)

Queste 4 giornate però non sono state solo caratterizzate dalle foto di Vasco. Sono stati 4 giorni in cui ho conosciuto decine di persone, ho visto e fotografato centinaia di volti. Ho assorbito parte dell’altra energia, quella che i fan danno a Vasco. Ragazzi e ragazze accampati da giorni fuori dallo stadio (qui il mio reportage). Gente che conta centinaia di concerti del KOM in transenna, c’è chi lo segue dagli anni ’80 quando io non ero ancora nemmeno nato.

 

Non posso non ringraziare “i compagni di viaggio” di queste 4 serate, chi è stato con me sottopalco Roberto, Alessandra (Kikka), Alessandro, Gianluca. E poi ancora Henry, Nino e tutti gli altri fotografi e alcuni dei musicisti di Vasco che si sono concessi per una foto ricordo, in primis Vince Pastano e poi il Claudio (Gallo) Golinelli, Alberto Rocchetti e Diego Spagnoli.

Infine un immeso grazie a Tania Sachs (ufficio stampa di Vasco Rossi) che ha permesso tutto questo e Repubblica XL nella persona di Angela.

Qui trovate le gallery complete delle prime due giornate del #LiveKom2016

22 giugno 2016 – (fonte Repubblica XL)

23 giugno 2016 – (fonte Repubblica XL)

Ed io…

Mi sento un Po’ “instabile”
Però è “un gran bel film”un gran bel film

 


 


Segui Vasco su: