Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
30 Giugno 2015
 

NAPOLI ARRIVIAMOOOOOO


Tanta roba tanta…Tantissima roba…
e tante emozioni..una emozione continua..
siete solo voi!!!
E la storia continua..

Ciao Napoli Arriviaaamoooooo


Foto Roberto Villani - Chiaroscuro Creative




Foto Alessandro Pizzarotti - Chiaroscuro Creative




Foto Alessandro Pizzarotti - Chiaroscuro Creative


Questa storia qua...

Dopo il mio secondo brivido provato allo stadio San Siro (prima volta il 5/7/014 e l' ultimo il 18/6/015) ho deciso di fare la pazzia e di provare per una volta a VIVERE per davvero un concerto. Cosi, biglietti in mano per entrambe le date Torinesi (prato) ho fatto fi corsa i soli 30 ma interminabili km che mi seperavano dallo stadio e alle 6:40 del mattino sono arrivato. Lucky Strike in mano e lacrime agli occhi nel vedere venti o trenta tende già piazzate, alcune già da mercoledi. Impossibile non commuoversi nel vedere giovani e non stremati dalle forze ma felici di esseri li.

Ma è presto, sono solo le 7.. l' attesa è lunga ma a noi che ci importa di stare altre 8 ore sotto il sole prima che aprono i cancelli, poi finalmente si aprono.

Siamo dentro e la prima cosa che fai e correre, corri più che puoi e te ne freghi della sicurezza che ti rincorre per dirti di non farlo, vuoi solo arrivare li, il più vicino possibile a quelle transenne, che siano del prato i del prato gold non importa.

Prendi posto e ammiri quell enorme palco e pensi.. "cazzo che roba" ma è ancora troppo presto per vederlo attivo, mancano 4/5 ore. Ancora sole, ancora attese interminabili, il tempo non passo più.

Intanto lo stadio di riempie sempre di più e i cori si fanno sempre più forti, nel frattempo conosci gente come te, con la stessa passione. C'è chi è tatuata di Vasco e chi no, c'è chi ha 7 anni e chi 70 (3 forse anche 4 generazioni tutte in uno stadio è da brivido.

Finalmente 21 15 all Olimpico.. si spengono le luci e con un intro da paura scoppiano lacrime e urla, la bomba e con "sono innocente" arriva lui e non ti dico.. anche perché non puoi spiegarlo qui. Canti insieme a lui tutte le canzoni, e pensi.. pensi: "fa che tutto questo duri il più possibile, ma ormai è tardi, sono già partite le note di "Albachiara" e tutti urlano un "Nooooo". Se tutti sognano di poterla cantare insieme e lui, nel momento in cui è ora di cantarla tutti preferirebbero non farlo perché si sa che una volta fatta albachiara dopo non arriva più niente dopo d che quello di Vasco è solo un arrivederci, ma è un arrivederci che fa male anche se il giorno dopo c'è di nuovo. La vita è un brivido che vola via.. si ma anche i concerti di Vasco non scherzano.

Mattia Ramondetti


 


 


Segui Vasco su: