Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
26 Febbraio 2015
 

Da Punto Radio a rockstar! VASCO visto da Efrem Raimondi per IL FOTOGRAFO


tratto da Il Fotografo, adesso in edicola, e dal blog di Efrem Raimondi 



Efrem Raimondi dice che a lei non piace farsi ritrarre e che, se proprio lo deve fare, lo fa soltanto con due o tre fotografi. Perché non le piace essere fotografato? Cos'hanno di speciale i fotografi con i quali ha lavorato? 

Considerato che farmi fotografare mi innervosisce e mi indispone, è necessario che il fotografo riesca a coinvolgermi, sia molto sveglio, svelto e abbia le idee chiare. Con Efrem ci siamo sempre capiti subito. Lo stimo molto anche come persona.


Pieve di Cento (Bo), 22 maggio 2013 


Abbiamo guardato con interesse il libro Tabularasa. Sono fotografie bellissime. Immagini che si distaccano dall’idea della rockstar e ci raccontano l’uomo. La sua interiorità. Che effetto le ha fatto guardare quel libro? Ha collaborato alla scelta delle fotografie?

L’ho trovato molto bello. Non ho collaborato alla scelta delle foto. Hanno fatto tutto loro. Del resto Efrem e Toni sono due fuoriclasse. Non poteva che nascere un capolavoro.


Roma, gennaio 2004


Le fotografie delle copertine dei suoi dischi le sceglie da solo, si fa consigliare? Ne parla con i fotografi?

Da anni, forse decenni, è Arturo Bertusi l’ideato- re delle copertine dei miei album. Di solito arriva con un’idea che, se ci convince, comincia a re- alizzare sotto la supervisione di Fini coordinando le varie esigenze grafiche e artistiche. Il risultato è un lavoro nel quale svolgo soprattutto l’attività di... “modello”.


Milano MM3, backstage video Siamo Soli, aprile 2001


Lei scatta fotografie? Di che tipo? Le raccoglie in album, le usa sui social network?

Sono stato un grande appassionato di fotografia. Da ragazzo stampavo rullini in improvvisate camere oscure. Poi ho continuato con tutti i tipi di device fino al cellulare. Oggi scatto foto continuamente, le raccolgo sul computer e mi diverto a riguardarle per il piacere di rivivere i momenti passati. Per quanto riguarda i social ...passerò alla storia come il padre dei “clippini”!?


Castellaneta Marina, settembre 2014


Ha delle fotografie appese in casa sua? Di che tipo? Foto di ricordi? Fotografie d’autore?

Non ho molte foto appese. Amo le pareti bianche che rilassano la mente e non interferiscono con la mia immaginazione.






Bologna, con Fernanda Pivano, marzo 2004

 




 


 


Segui Vasco su: