Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
17 Dicembre 2010
 

Spazio Komandante - 17 Dicembre 2010

Qui si fa la storia....

Erano gli inizi degli anni ottanta, quando, contro la mentalità del "lavoro garantito in banca” o “statale” , di una vita sicura ma monotona io "volevo", “sognavo”, “pretendevo” (ero molto giovane..) una vita spericolata:

piena di "avventure" di rischi, di incognite e di sorprese.

Insomma una vita vissuta intensamente.

NON INTENDEVO CERTO (e non avrei mai voluto) che tutto ciò venisse inteso come "drogarsi" o finire schiavi delle dipendenze.

(Questa è una delle fantasie più perverse che la stampa nazionale abbia mai partorito)

E neppure di "permissivismo" si trattava, ma di una "fuga dalla realtà" necessaria in un periodo storico simile (yuppies, paninari, arrivismo, corruzione, soldi facili e craxismo).

Oggi canto una vita vissuta pienamente senza scorciatoie o soluzioni semplici. Le scorciatoie non esistono e chi le propone, riempiendosi la bocca di facili slogan,(come fanno per es. i politici di oggi e tanto amati dalla gente comune) è un pazzo o un criminale.

“Guardala in faccia la realtà!”... e tenete gli occhi aperti, canto e dico ai miei ascoltatori. Anche se credo che le illusioni e i sogni aiutino a vivere meglio.

NON ascoltate troppo la televisione con i suoi discorsi buonisti e superficiali, le sue notizie raccontate ad arte per spaventare, preoccupare e in definitiva plagiare l'opinione pubblica.

Leggete, leggete dei classici e imparate a farvi una vostra opinione indipendente. Guardatevi intorno nel vostro piccolo mondo fatto di affetti sinceri o comunque veri. Gli amici, il bar, la famiglia, quelli che vivono vicino a voi. Smettetela di preoccuparvi di quello che succede dall'altra parte del mondo o dell'universo solo perchè l'avete visto al telegiornale.

La mia generazione credeva di poter “cambiare il mondo” con la “revolucion”....

Voi cercate di migliorare voi stessi e lo cambierete sul serio.



La rivoluzione SIETE VOI!



Vasco Rossi
 


 


Segui Vasco su: